Lingua Inglese – V
02
Lug, 2019

Lingua Inglese – V

L’insegnamento della lingua inglesepropone l’acquisizione da parte degli studenti di una competenza comunicativa tale che permetta loro di servirsi della lingua in modo adeguato nel contesto quotidiano e professionale. Verrà insegnata loro la comprensione e…

1) FINALITÀ DELL’INSEGNAMENTO DI LINGUA INGLESE

  • Motivare gli studenti, attraverso una loro partecipazione attiva al processo di apprendimento;
  • Far comprendere l’importanza della LS come strumento di comunicazione per relazionarsi con altri in diverse situazioni, attraverso canali di comunicazione orali e scritti;
  • Raggiungere una consapevolezza del funzionamento della L1, tramite il confronto con la LS;
  • Educare all’intercultura, finalizzata alla formazione umana, sociale e culturale degli studenti;
  • Sviluppare capacità logico-organizzative, controllando i processi linguistici e organizzando i contenuti che si vogliono esprimere;
  • Sviluppare abilità cognitive, quali analisi, sintesi, induzione, deduzione;
  • Acquisire un metodo di lavoro che permetta l’individuazione di percorsi di apprendimento progressivamente autonomi, in modo che lo studente sia in grado di sviluppare e aggiornare le proprie competenze chiave in tutto il corso della vita (life-long learning);
  • Giungere a una consapevolezza delle funzioni linguistiche non solo sotto il profilo cognitivo ma anche espressivo, emotivo e sociale.

2) OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Comprensione dei testi, orali e scritti, progressivamente più complessi e preferibilmente tratti da materiali autentici;
  • Esposizione comprensibile, corretta e approfondita;
  • Consolidamento e perfezionamento di un metodo di lavoro e studio autonomo;
  • Trasferimento delle conoscenze e abilità acquisite in ambito professionale;
  • Acquisizione della capacità di elaborare e di fare collegamenti;
  • Conoscenza delle nuove tecnologie a livello di abilità, esperienza e relazione.

3) COMPETENZE AL TERMINE DEL QUINTO ANNO 

  • Padroneggiare la lingua inglese per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali
    relativi ai percorsi di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali;
  • Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a
    situazioni professionali;
  • Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per
    intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento;
  • Integrare le competenze professionali orientate al cliente con quelle linguistiche, utilizzando
    le tecniche di comunicazione e relazione per ottimizzare la qualità del servizio e il
    coordinamento con i colleghi;
  •  Valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali individuando le nuove
    tendenze di filiera.

L’acquisizione progressiva dei linguaggi settoriali è guidata dal docente con opportuni raccordi
con le altre discipline, linguistiche e d’indirizzo, con approfondimenti sul lessico specifico e sulle
particolarità del discorso tecnico-professionale. Per realizzare attività comunicative riferite ai
diversi contesti di studio e di lavoro sono utilizzati anche gli strumenti della comunicazione
multimediale e digitale
L’articolazione dell’insegnamento della lingua inglese in conoscenze e abilità è riconducibile, in
linea generale, al livello B2 del QCER 1 . Il docente definisce e sviluppa il percorso
d’apprendimento in modo coerente con l’indirizzo di studio, consentendo agli studenti di fare
esperienze concrete e condivise di apprendimento attivo, nonché di comunicazione ed
elaborazione culturale.

4)  OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DEL QUINTO ANNO

  • Curare l’approfondimento linguistico delle abilità ricettive e produttive
  • Dare risalto all’abilità di lettura anche attraverso l’uso di materiali autentici
  • Curare l’abilità di scrittura tramite la produzione di varie tipologie di testo, stimolando la
    capacità di analisi, sintesi e di rielaborazione
  •  Potenziare la comprensione di testi scritti e orali diversificati per difficoltà, registro,contesto
“1 Livello B2 soglia del QCER – Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue: “ È in grado di
comprendere le idee fondamentali di testi complessi su argomenti sia concreti sia astratti, comprese le
discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione. È in grado di interagire con relativa scioltezza e
spontaneità, tanto che l’interazione con un parlante nativo si sviluppa senza eccessiva fatica e tensione. Sa
produrre testi chiari e articolati su un’ampia gamma di argomenti e esprimere un’opinione su un argomento
d’attualità, esponendo i pro e i contro delle diverse opzioni. ”
  • Sviluppare la produzione di testi orali adeguati a contesti diversi, con particolare
    attenzione alla fluency e ad un uso del lessico pertinente e progressivamente più
    ampio;
  • Riutilizzare il lessico e le strutture apprese in situazioni comunicative progressivamente
    più complesse;
  • Riflettere sulle strutture grammaticali e saperne esplicitare il funzionamento.

5) MODALITÀ DI INSEGNAMENTO E METODOLOGIE DIDATTICHE

  • Approccio didattico comunicativo e nozionale-funzionale attraverso lezioni frontali, lezioni interattive e lezioni cooperative, sostenuto da un approfondimento lessicale e grammaticale della lingua inglese.
  • Lo studente acquisisce conoscenze, abilità e competenze tramite attività da cui estrapola e stabilisce regole e modelli che vengono poi strutturati in un adeguato quadro di riferimento.
  • Le quattro abilità vengono sviluppate in modo integrato La lingua usata in classe è prevalentemente, e in modo progressivamente più intenso nell’arco del quinquennio, la lingua straniera.

6) MATERIALI DIDATTICI E LIBRI DI TESTO

  • Aula con Apple TV e video
  • iPad con corso su iTunes U
  • libro di testo Total First (con CD audio), Black Cat ed.
  • My digital book Total First
  • libro di testo Let’s Cook! (con CD audio), Hoepli ed.
    materiale da Internet
    film, canzoni e video in lingua
    materiale autentico, realia

7) TIPOLOGIA E NUMERO DI VERIFICHE

Si verificheranno gli apprendimenti alla fine di ciascuna unità didattica, pertanto si prevedono almeno due verifiche scritte ed orali nel trimestre e tre verifiche scritte e due verifiche orali nel pentamestre.

Le verifiche scritte potranno consistere in:

  • esercizi strutturati e semi-strutturati (scelta multipla, inserimento, completamento/costruzione di dialoghi, formulazione di domande su risposte date, elenco di items lessicali, ecc.);
  • comprensione di un testo scritto o orale, di tipo narrativo, espositivo, interattivo;
  • produzione di brevi testi su argomenti trattati in classe, per esempio descrizioni, narrazioni, lettere/email formali e informali;
  • traduzione in lingua di frasi legate al lessico, alle strutture grammaticali e situazioni comunicative esercitate in classe.

Le verifiche orali potranno consistere in:

  • riferire un brano letto o ascoltato;
  • descrivere immagini inerenti gli argomenti trattati in classe;
  • rispondere a domande libere e personali sugli argomenti trattati;
  • interagire con un compagno sulla base di dialoghi letti o ascoltati in classe;
  • esporre una ricerca, una presentazione o un proprio approfondimento;
  • risolvere e motivare esercizi grammaticali e compiti per casa.

Ai fini della valutazione, si osserverà anche il comportamento individuale dell’alunno in relazione alle attività svolte in classe e a casa (impegno, partecipazione, materiale didattico, continuità, evoluzione, capacità di lavoro autonomo e cooperativo).
Nel valutare, si fa riferimento alle griglie di valutazione per le lingue straniere pubblicate nel PTOF.

8) ATTIVITÀ DI RECUPERO / INDIVIDUALIZZAZIONE E PERSONALIZZAZIONE

Si privilegerà il recupero in itinere, curando la correzione dei compiti per casa, seguendo durante le lezioni in particolare gli alunni in difficoltà, proponendo attività di peer tutoring o cooperative learning per livello. In casi limitati si potranno assegnare lavori aggiuntivi a casa da correggere individualmente. Su segnalazione del docente e in accordo con la famiglia, si possono attivare interventi di recupero pomeridiani.
Per promuovere le eccellenze, si possono programmare attività pomeridiane di potenziamento; si incoraggia e sostiene la partecipazione degli alunni eccellenti a prove ufficiali di verifica delle loro competenze linguistiche presso agenzie esterne accreditate (esami per il conseguimento del PET/B1 del Cambridge Institute o del GESE Grade 5 o 6 del Trinity College London).

9) PIANIFICAZIONE TEMPORALE DELLE UNITÁ DIDATTICHE

10) OBIETTIVI MINIMI

11) RACCORDO CON UNITA’ DIDATTICHE DI APPRENDIMENTO

  • UdA "Veneto" (si veda progettazione allegata) – scienze dell'alimentazione, sala, cucina e inglese, marzo 2019

Allegati:
– Griglie di valutazione

Claudia Miraglies

Course Content

Curriculum is empty

Instructor

0.0

0 ratings

5 star
0%
4 star
0%
3 star
0%
2 star
0%
1 star
0%