Storia – V
02
Lug, 2019

Storia – V

L’insegnamento della Storia si propone di far acquisire all'allievo la conoscenza degli eventi storici e collocarli nel tempo e nello spazio per scoprire e dare significato alla dimensione storica del mondo attuale. Sarà in grado…

1) FINALITÀ DELL’INSEGNAMENTO DELLA STORIA

  • Agire in riferimento ad un sistema di valori, coerenti con i principi della Costituzione, in base ai
    quali essere in grado di valutare fatti e orientare i propri comportamenti personali, sociali e
    professionali.
  • Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici acquisiti per porsi con atteggiamento razionale,
    critico, creativo e responsabile nei confronti della realtà, dei suoi fenomeni e dei suoi problemi,
    anche ai fini dell’apprendimento permanente.
  • Stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali sia in una
    prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro.
  • Comprendere e utilizzare i principali concetti relativi all’economia, all’organizzazione, allo
    svolgimento dei processi produttivi e dei servizi
  • Utilizzare i concetti e i fondamentali strumenti delle diverse discipline per comprendere la realtà
    ed operare in campi applicativi
  • Partecipare attivamente alla vita sociale e culturale a livello locale, nazionale e comunitario.
  • Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici acquisiti per porsi con atteggiamento razionale,
    critico, creativo e responsabile nei confronti della realtà, dei suoi fenomeni e dei suoi problemi,
    anche ai fini dell’apprendimento permanente.

2) OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Promuovere lo sviluppo della personalità: approfondire la conoscenza di sé; rafforzare la
    fiducia nelle proprie capacità; sviluppare un positivo concetto di sé prendendo coscienza che
    anche il proprio limite può essere una risorsa; imparare ad affrontare l’errore come occasione
    di crescita; alimentare l’atteggiamento di continua curiosità e domanda sulla realtà.
  • Sviluppare autonoma capacità di giudizio: acquisire la capacità di valutare e agire in base a un
    sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione; sviluppare la capacità di individuare
    collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi, concetti appartenenti anche a diverse discipline e
    a diversi contesti; sviluppare la capacità di acquisire e interpretare criticamente l’informazione
    ricevuta nei diversi ambiti e con diversi strumenti comunicativi, valutandone attendibilità e
    utilità; utilizzare gli strumenti culturali e metodologici acquisiti per porsi con atteggiamento
    razionale, critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni e ai suoi problemi.
    Sviluppare l’esercizio della responsabilità personale e sociale: collaborare e partecipare
    attivamente contribuendo all’apprendimento comune e alla realizzazione delle attività collettive
    con l’apertura ai diversi punti di vista e la valorizzazione delle proprie e altrui capacità; sapersi
    inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale sostenendo i propri diritti e bisogni, ma
    riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le regole, le
    responsabilità.
  • Promuovere la capacità di essere protagonista dell’apprendimento: acquisire la capacità di
    organizzare l’apprendimento individuando, scegliendo e utilizzando varie fonti e varie modalità
    di informazione; saper progettare lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro
    stabilendo obiettivi significativi e realistici, definendo strategie di azione e verificando i risultati
    raggiunti; acquisire la capacità di porsi problemi e di risolverli; essere in grado di comunicare
    attraverso strumenti e linguaggi diversi.

3) COMPETENZE AL TERMINE DEL QUINTO ANNO

  • Correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, delle tecnologie e delle
    tecniche negli specifici campi professionali di riferimento
  • Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell’ambiente naturale ed antropico, le
    connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, e le trasformazioni intervenute
    nel corso del tempo.

4)  OBIETTIVI SPECIFICI DELL’INSEGNAMENTO AL TERMINE DEL QUINTO ANNO

  • Riconoscere nella storia del Novecento e nel mondo attuale le radici storiche del passato,
    cogliendo gli elementi di persistenza e discontinuità.
  • Analizzare problematiche significative del periodo considerato.
  • Individuare relazioni tra evoluzione scientifica e tecnologica, modelli e mezzi di comunicazione,
    contesto socio-economico, assetti politico-istituzionali.
  • Effettuare confronti fra diversi modelli/tradizioni culturali in un’ottica interculturale.
  • Istituire relazioni tra l’evoluzione dei settori produttivi e dei servizi, il contesto socio-politico-
    economico e le condizioni di vita e di lavoro.
  • Analizzare l’evoluzione di campi e profili professionali, anche in funzione dell’orientamento.
  • Riconoscere le relazioni fra dimensione territoriale dello sviluppo e persistenze/mutamenti nei
    fabbisogni formativi e professionali.
  • Utilizzare ed applicare categorie, metodi e strumenti della ricerca storica in contesti laboratoriali
    per affrontare, in un’ottica storico-interdisciplinare, situazioni e problemi, anche in relazione agli
    indirizzi di studio ed ai campi professionali di riferimento
  • Analizzare criticamente le radici storiche e l’evoluzione delle principali carte costituzionali e
    delle istituzioni internazionali, europee e nazionali.

5) MODALITÀ DI INSEGNAMENTO E METODOLOGIE DIDATTICHE

Le lezioni prevedono la prevalenza della modalità espositiva partecipativa e interrogativa, volto
a costruire un’esperienza di apprendimento che vedo all’osservazione, il ragionamento e
giudizio dei singoli studenti come protagonisti del momento conoscitivo, guidato e orientato dal
continuo dialogo con l’insegnante.
Si ricorrerà inoltre alla modalità laboratoriale (con progressiva costruzione di prodotti finali
sintetici), con la classe o a gruppi, per promuovere le differenti abilità degli studenti e per
educare il critico esame di fonti storiche e di strumenti di divulgazione (giornali e testi settoriali).
A supporto delle attività didattiche, oltre ai libri di testo in adozione, si programma l’utilizzo di
alcuni strumenti multimediali, utili alla condivisione di materiali e lavori e alla realizzazione in
classe di lavori, esposizioni personali e di gruppo.
Scopo delle scelte metodologiche programmate e quello di promuovere favorire il cammino
conoscitivo del singolo ragazzo, ossia di accompagnare la sua personale esperienza di
conoscenza e di incontro col mondo, la sua facoltà di interrogare i dati del reale proposti per
giungere, nel dialogo ragionato conducente con la classe, alla valorizzazione delle personali
conquiste conoscitive e alla scoperta dei singoli individuali talenti.

6) MATERIALI DIDATTICI E LIBRI DI TESTO

F. Bertini, Alla ricerca del presente. Vol 2, Mursia, Verona 2012.

7) TIPOLOGIA E NUMERO DI VERIFICHE

Produzione scritta:

  • Test su porzioni limitate del programma.
  • Negli elaborati scritti si valuterà la conoscenza degli argomenti trattati, la capacità di sintesi
    motivata con adeguati riferimenti storici, l'efficacia dei collegamenti e delle sintesi proposte.

Produzione orale:

  • Colloqui su porzioni limitate del programma.
  • Si porrà particolare attenzione all'uso del linguaggio specifico della disciplina che, alla capacità
    di analisi e interpretazione dei fatti storici, all'esposizione chiara e corretta, alla comprensione
    degli argomenti, alla capacità di stabilire collegamenti. Il colloquio sarà un momento importante
    per approfondire gli argomenti trattati e per risolvere eventuali dubbi e chiarire i concetti. Perciò
    si cercherà di incoraggiare il dialogo con la classe .

8) ATTIVITÀ DI RECUPERO / INDIVIDUALIZZAZIONE E PERSONALIZZAZIONE

Disponibilità pomeridiana di un’ ora settimanale per eventuale potenziamento, tramite esercizi,
approfondimento di argomenti poco chiari, spiegazione ulteriore di lezioni perse o non
comprese.

9) PIANIFICAZIONE TEMPORALE DELLE UNITÀ DIDATTICHE (CONOSCENZE, ABILITÀ, COMPETENZE)

10) OBIETTIVI MINIMI

  1. Conoscenza di eventi e fenomeni storici e loro collocazione spazio-temporale.
  2. Capacità di individuazione dei nessi causali e consequenziali fra eventi e fenomeni storici.
  3. Capacità di individuazione dei rapporti dialettici tra fenomeni politici, economici, sociali e
    culturali.
  4. Capacità di analisi dei fenomeni e di strutturazione logica dei concetti esaminati.
  5. Comprensione ed uso del linguaggio specifico.
  6. Saper trarre dati informativi essenziali da fonti varie.

11) RACCORDO CON UNITÀ DIDATTICHE DI APPRENDIMENTO

  • L’Illuminismo attraverso una tazza di caffè.

Course Content

Curriculum is empty

Instructor

0.0

0 ratings

5 star
0%
4 star
0%
3 star
0%
2 star
0%
1 star
0%